Comune di Buriasco

PROVINCIA DI TORINO


Vai direttamente ai contenuti della pagina

Vai direttamente al menù delle sezioni

Ritorna alla versione grafica del sito

Autocertificazione: cos'è e come farla

Autocertificazione: cos'è e come farla

Responsabile:
Gemma Genta
 
Dove rivolgersi:
Servizi Demografici
Via Dabormida, 2 - Buriasco (TO)
Dal Lunedì al venerdì dalle 10:00 – 13:00
Telefono: 0121/368042
Fax: 0121/56599
E-mail: anagrafe@comune.buriasco.to.it
 
Descrizione del servizio:
È una dichiarazione che l'interessato sottoscrive nel proprio interesse su stati, fatti e qualità personali. Il cittadino quindi si sostituisce all'Amministrazione competente a rilasciare un certificato e lo dichiara con valore di legge, sotto la propria responsabilità. L'autocertificazione sostituisce i certificati e i documenti richiesti dalle Amministrazioni pubbliche e dai Gestori dei servizi pubblici che devono accettarla. Nel rapporto tra privati invece il riconoscimento della validità dell'autocertificazione resta a discrezione di chi richiede il certificato o documento.
L'Amministrazione pubblica inoltre non può in nessun caso sospendere o ritardare i tempi di inizio di un procedimento per la verifica d'ufficio di quanto dichiarato dal cittadino in una autocertificazione. Vi sono pochi casi, nei rapporti con la Pubblica Amministrazione, in cui devono essere esibiti i tradizionali certificati: pratiche per contrarre matrimonio, rapporti con l'autorità giudiziaria, atti da trasmettere all'estero. L'autocertificazione non è ammessa inoltre per certificati medici, sanitari, veterinari, di origine, di conformità all'UE, marchi e brevetti.

L'autocertificazione sostituisce i seguenti certificati:
- data e il luogo di nascita;
- residenza;
- cittadinanza;
- godimento dei diritti civili e politici;
- stato di celibe, coniugato, vedovo o stato libero;
- stato di famiglia;
- esistenza in vita;
- nascita del figlio, decesso del coniuge, dell'ascendente o discendente;
- iscrizione in albi, registri o elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni;
- appartenenza a ordini professionali;
- titolo di studio, esami sostenuti;
- qualifica professionale posseduta, titolo di specializzazione, di abilitazione, di formazione, di aggiornamento e di
qualificazione tecnica;
- situazione reddituale o economica anche ai fini della concessione dei benefici di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali;
- assolvimento di specifici obblighi contributivi con l'indicazione dell'ammontare corrisposto;
- possesso e numero del codice fiscale, della partita IVA e di qualsiasi dato presente nell'archivio dell'anagrafe tributaria;
- stato di disoccupazione;
- qualità di pensionato e categoria di pensione;
- qualità di studente;
- qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili;
- iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo;
- tutte le situazioni relative all'adempimento degli obblighi militari, ivi comprese quelle attestate nel foglio matricolare dello stato di servizio;
- di non aver riportato condanne penali e di non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l'applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa;
- di non essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti penali;
- qualità di vivenza a carico;
- tutti i dati a diretta conoscenza dell'interessato contenuti nei registri dello stato civile;
- di non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e di non aver presentato domanda di concordato.
E' possibile procedere all'autocertificazione telematica andando alla sezione servizi on-line.
Requisiti del richiedente:
Possono autocertificare tutti i cittadini maggiorenni:
Italiani;
appartenenti alla Unione Europea;
Non appartenenti all'Unione purchè regolarmente soggiornanti in Italia limitatamente a fatti, stati e qualità personali certificabili o attestabili da parte di soggetti pubblici o privati italiani.
Documentazione da presentare:
L'autocertificazione può essere redatta in carta libera su un foglio dove l'interessato dichiara stati personali, ed appone la propria firma senza autentica né bollo.
La normativa stabilisce inoltre che per i dati relativi al cognome, nome, luogo e data di nascita, cittadinanza, stato civile e residenza è sufficiente l'esibizione di un documento di riconoscimento valido, purchè contenente dati aggiornati.
È possibile inviare l'autocertificazione per posta, fax e via telematica e di farla consegnare agli sportelli delle amministrazioni pubbliche da altri. (allegando fotocopia documento d'identità).
L'autocertificazione inviata per via telematica è valida se sottoscritta mediante la firma digitale o quando il sottoscrittore è identificato dal sistema informatico con l'uso della carta d'identità elettronica.
Nell'autocertificazione deve infine essere indicata la conoscenza dell'uso dei dati personali da parte dell'Amministrazione Pubblica per i soli fini per cui l'autocertificazione è inoltrata come previsto dal D.Lgs.196/2003 (Legge sulla Privacy).
Notizie utili:
L'Amministrazione pubblica può provvedere d'ufficio all'accertamento della veridicità di quanto dichiarato dal cittadino.
Il rilascio di dichiarazioni o l'esibizione di un documento contenente dati non corrispondenti a verità equivale ad uso di atto falso ed è punibile ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in atto falso (art. 76 del D.P.R. 445 del 2/12/2000).
Il rifiuto ad accogliere un'autocertificazione da parte di un'Amministrazione Pubblica costitousce violazione dei doveri d'ufficio.
 
Normativa di riferimento:
DPR del 28/12/2000 n. 445: "Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa"
Legge del 07/08/1990 n.241 e successive modificazioni: "Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti"
D.Lgs.n.196/2003 "Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento di dati personali"
Legge 16/06/1998 n.191 e successive modificazioni: "Modifiche ed integrazioni alle leggi 15 marzo 1997, n.59, e 15 maggio 199 7, n. 127, nonché norme in materia di formazione del personale dipendente e di lavoro a distanza nelle pubbliche amministrazioni, Disposizioni in materia di edilizia scolastica"
Circolare del Ministero della Pubblica Istruzione del 22/12/1998, n.489 prot.n.34304/BL e successive modificazioni: "Modulistica per iscrizioni alunni - Applicazione Legge 15 maggio 1997 n.127, Legge 16 giugno 1998 n. 191 e D.P.R. 20 ottobre 1998, n.403"
Circolare del Ministero di Grazia e Giustizia del 22/02/1999, n.1/50-FG-40/97U887 e successive modificazioni: "Regolamento di attuazione sulla semplificazione delle certificazioni amministrative"
Legge 15 maggio 1997, N. 127 e successive modificazioni: "Misure urgenti per lo snellimento dell'attività amministrativa e dei procedimenti di decisione e controllo"






Ultima modifica pagina: 13/04/11 12:42 - Autore: segretario

 


COMUNE DI BURIASCO - Provincia di Torino - Sito istituzionale
Via Dabormida, 2- 10060 Buriasco (TO) - Italy
Tel. (+39)0121368042 (+39)0121368100
Fax (+39)012156599
Codice Fiscale: 85002970011 - Partita IVA: 01992270015
Email: info@comune.buriasco.to.it
Posta elettronica certificata (DPR n.68 del 11/02/05) (esclusivamente PEC con PEC) : protocollo@pec.comune.buriasco.to.it
Web: http://www.comune.buriasco.to.it/
Codice univoco ufficio - IPA: UF54BX

Logo di conformità W3C XHTML 1.0 STRICTLogo di conformità W3C CSSLogo di conformità W3C WAI-A WCAG 1.0Dichiarazione di accessibilità